Università – a Lettere si prosegue nella protesta

Occupazione simbolica
Ma senza danneggiare gli studenti che potranno sostenere gli esami
Con lezioni tenute dagli studenti in facoltà
Martedì 22 Giugno 2010 Area Sud Pagina 26
Fonte:Quotidiano La Provincia – Università A Lettere si prosegue nella protesta

universita di cassino scipero blocco esamiOccupazione simbolica con lezioni tenute dagli studenti in facoltà. Sembra essere questa la decisione presa dagli studenti della facoltà di Lettere e Filosofia e del polo distaccato di Scienze della Comunicazione di Sora nelle assemblee di ieri. Dopo la mobilitazione dei docenti, dunque, scendono in campo anche gli studenti in sostegno dei loro professori e per denunciare la loro preoccupazione per i continui tagli all’Università. «La nostra protesta – spiegano alcuni rappresentanti degli studenti – non vuole ledere assolutamente il diritto allo studio degli studenti che devono sostenere esami e sedute di laurea, ma in questi giorni in cui i nostri docenti hanno decretato il blocco della didattica anche noi esprimiamo un forte stato di preoccupazione non tanto per i tagli previsti dalla finanziaria, che pure sono assolutamente ingiusti e iniqui, ma tanto più per il Disegno di Legge Gelmini che sarà prossimamente in discussione al Parlamento e che mortifica la figura dei ricercatori e dell’Università». Proprio i ricercatori rappresentano ben oltre il 40% degli insegnamenti di tutto l’Ateneo e se il Ddl sarà approvato cosi com’è, l’Università di Cassino, cosi come tutti i piccoli e medi Atenei, rischia di dover ridurre di molto l’offerta formativa e, come affermato dal Preside Gentile nel corso del coniglio straordinario, «la facoltà di Lettere e Filosofia rischia di dover chiudere circa 5 corsi di laurea su 6». Gli studenti dunque si sono dati appuntamento per stamattina presso la facoltà di Lettere per impegnarsi in una serie di mobilitazioni e già durante i giorni di occupazione propongono «di mettere in campo una serie di iniziative volte a sensibilizzare e ad informare gli studenti sui rischi a cui va incontro l’Università pubblica e in particolare l’Ateneo di Cassino». Inoltre, sempre nell’assemblea studentesca di ieri, alcuni hanno pensato anche a forme di manifestazioni alternative che saranno discusse stamane (incontri con i docenti e ricercatori, cortei, manifestazione a Roma con altri Atenei) al di là dell’occupazione simbolica dell’edificio, per esternare i loro disagi e le loro preoccupazioni.

Leave a Reply