Un fumetto per dire no alla droga

(Messaggero 8/1/05) Si conclude oggi all’Università di Cassino il progetto “Un fumetto per dire no alla droga” . Attraverso la distribuzione di un opuscolo che illustra con precisione tutti i vari tipi di sostanze stupefacenti ed i loro effetti sulla salute, si è inteso sensibilizzare l’intero mondo universitario sull’uso delle droghe. L’iniziativa è stata promossa dal MODAVI (movimento delle associazioni di volontariato italiano) in collaborazione con l’associazione culturale “Terra di Thule” di Cassino e dalla Regione Lazio. I giovani universitari hanno avuto a disposizione in questa cinque giorni diversi operatori specializzati nella prevenzione e nella cura delle patologie legate all’uso di stupefacenti, a cui hanno potuto rivolgere domande di ogni genere in merito al problema droga. Oggi ci sarà una caccia al tesoro aperta a tutti gli studenti: verranno consegnate loro delle schede contenenti informazioni sulle sostanze stupefacenti, il testo di queste schede nasconderà al suo interno delle parole riguardanti alcuni oggetti che i ragazzi dovranno trovare e portare allo stand. Il presidente nazionale del MODAVI, Marco Scurria, ha spiegato le ragioni della campagna di prevenzione legata all’uso di stupefacenti: «L’uso sempre più diffuso di cannabinoidi, cocaina, pasticche fra i ragazzi di tutte le età è un dato reale e preoccupante, il nostro obiettivo è quello di informarli sulle conseguenze derivanti dal loro utilizzo».

Leave a Reply