Parole Fini

fini-trifuoggi-chiodiAvevamo appena finito di scrivere il pezzo della settimana che ecco arrivare il fuori onda di Gianfranco Fini. Il presidente della Camera era a Pescara. Era il 6 novembre. Il Premio Borsellino l’occasione. Un microfono resta aperto ed ecco che un colloquio informale con Nicola Trifuoggi (in foto al centro tra Fini e Chiodi), procuratore della Repubblica a Pescara, diventa il detonatore che disintegra tutto il lavoro che Berlusconi aveva faticosamente fatto nell’ultima settimana per dare un senso di compattezza alla sua maggioranza. E la giornata di ieri, qualcuno già lo scorda, non è stata solo Fini. Ci sono almeno altre tre notizie che la hanno trasformata in uno dei giorni più orribili vissuti dalla Presidenza del Consiglio. Andiamo per ordine: 1) l’Istat fornisce i dati sulla disoccupazione: due milioni. Con la minaccia di salire ancora; 2) la Fininvest dovrà sottoscrivere una fideiussione per l’intero importo di 750 milioni di euro a garanzia della somma che è stata condannata a pagare dal tribunale di Milano alla Cir per la vicenda Lodo Mondadori. In questo modo, rimarrà ferma la sospensiva dell’esecutività della sentenza di primo grado ma, di fatto, l’operatività economica dell’azienda sarà ridotta a zero stante il capitale a 700 milioni di euro; 3) il governo in commissione Bilancio alla Camera sulla Finanziaria cede 12 volte su 14 sugli emendamenti del pacchetto a firma dell’Esecutivo che rimangono impigliati nelle maglie dell’inammissibilità. Resistono solo il finanziamento per il turn over dei Vigili del fuoco, le misure pro – Abruzzo, gli sgravi fiscali per le banche e le novità per le buste paga per gli statali: con il cedolino unico viene anticipato il conguaglio 2011 e questo si tradurrà versamenti Irpef una tantum da 200 milioni. Saltano invece, ma guarda un po’, i tagli ai consiglieri comunali e regionali ma anche al tetto degli stipendi per quelli regionali e la ripartizione delle risorse dello scudo fiscale. Veniamo quindi al Presidente della Camera. Le affermazioni di Gianfranco Fini sono troppo dirompenti perché il commento venga rimandato a una settimana. Ma, ovviamente, l’analisi va fatta con le pinze. (vignetta SCarla09). gianfranco finiSin dall’inizio. Dal fatto che le confidenze Fini le faccia a Trifuoggi e non al governatore Pdl dell’Abruzzo Chiodi che è comunque presente. Si comincia in modo soft con Fini che si rivolge al sostituto procuratore Trifuoggi con una battuta quasi a creare un clima confidenziale … Dice Fini: “Qualche giorno fa rileggevo un libro sull’Italia giolittiana e a Giolitti, che era considerato il ministro della malavita, un oppositore gli disse: ‘Lei rappresenta lo stato… participio passato del verbo essere’. Efficace, no?”. Il magistrato non si sottrae. Forse condivide: “Potrebbe essere riesumata”. Il Presidente della Camera sorride. Ha fatto centro e la butta lì: “Infatti non escludo di farlo, citando la fonte… prima o poi lo faccio”. Alla manifestazione di Pescara, tra i relatori è presente Aldo Pecora, che mi onoro di aver conosciuto. E Fini su di lui dice: “E’ un creativo nato, perché il movimento lo ha chiamato ‘Ammazzateci tutti’… e sì… il talento è quello”. Si sente Pecora affermare: “Noi siamo di passaggio, qua nessuno è eterno, non si vive in eterno”. Il presidente della Camera: “… se ti sente il Presidente del Consiglio si incazza”. In un attimo Fini ha già detto cosa pensa di Berlusconi più che in quindici anni di alleanze. Il fuori onda prosegue con una rivelazione per così dire intima. “Sono un ragazzaccio io – afferma Fini – … come dicevano i greci… poco se mi giudico molto se mi confronto… è così, sembra una battuta invece è una massima di vita. E’ l’umiltà e nello stesso tempo la consapevolezza di vivere”. Seguono apprezzamenti all’impegno e lavoro di Pecora: “Con la giacca e la cravatta sei ancora più bravo”. E su come crescere la gioventù: “E’ che con i ragazzi non parli con le parole ma con gli esempi”. Anche qui si coglie il riferimento, a chi lo vuol cogliere, ai comportamenti morali del Presidente del Consiglio. Fino a quando, si entra nella cronaca degli ultimi mesi e Fini “sgancia” una prima affermazione forte: “Il riscontro delle dichiarazioni di Spatuzza (ndr il pentito Gaspare Spatuzza)… speriamo che lo facciano con uno scrupolo tale da… perché è una bomba atomica”. Il magistrato interlocutore replica in modo equilibrato: “Assolutamente si… non ci si può permettere un errore neanche minimo”. Fini entra nel dettaglio: “Si perché non sarebbe solo un errore giudiziario, è una tale bomba che… lei lo saprà … Spatuzza parla apertamente di Mancino, che è stato ministro degli Interni, e di … (ndr Berlusconi?)… uno è vice presidente del CSM e l’altro è il Presidente del Consiglio…”. Ancora massimo equilibrio da Trifuoggi: “Pare che basti, no”. Fini comprende: “Pare che basti”. Trifuoggi capisce che il Presidente della Camera cercava una confidenza e abbozza: “Però comunque si devono fare queste indagini”. Fini si riprende: “E ci mancherebbe altro” e aggiunge: “No ma lui, l’uomo confonde il consenso popolare che ovviamente ha e che lo legittima a governare, con una sorta di immunità nei confronti di… qualsiasi altra autorità di garanzia e di controllo… magistratura, Corte dei Conti, Cassazione, Capo dello Stato, Parlamento… siccome è eletto dal popolo…”. berlusconiL’assist a Trifuoggi è perfetto. E infatti si lascia andare in “E’ nato con qualche millennio di ritardo, voleva fare l’imperatore romano”. Il Presidente della Camera chiude: “Ma io gliel’ho detto… confonde la leadership con la monarchia assoluta…. poi in privato gli ho detto… ricordati che gli hanno tagliato la testa a… quindi statte quieto”. Le dichiarazioni si scatenano su tutta i media. Il Pdl insorge, l’Idv esulta, l’Udc mantiene un profilo basso, il Pd abbozza ma fondamentalmente tace. E a sera ecco che Fini va in scena a Ballarò a raccogliere gli applausi. Telefonata in diretta. In studio ci sono il ministro dei beni culturali Sandro Bondi, il leader dell’IdV Antonio Di Pietro, il presidente della commissione finanze del Senato Mario Baldassarri, Bruno Tabacci di Alleanza per l’Italia, l’economista Giacomo Vaciago, la direttrice dell’Unità Concita De Gregorio. Una nota su Baldassarri: Il 3 aprile 1978 (a quel tempo era docente presso l’università di Bologna) partecipa, insieme ad Alberto Clò e Romano Prodi (all’epoca, in base a quanto riferito nelle audizioni, tutti e tre vicini alle posizioni politiche della Democrazia Cristiana), a una famosa seduta spiritica svoltasi nella casa di Clò sui colli bolognesi, durante il rapimento di Aldo Moro. Non è un parterre eccezionale ma va considerato che la dirigenza Pdl è in riunione proprio sulle affermazioni di Fini. Berlusconi avrebbe detto ai suoi “Se ne deve andare”, confondendo ancora, mal per lui, i ruoli istituzionali di una democrazia. Come accade ultimamente, Pd non pervenuto. Ma torniamo a Fini. I toni che usa sono assolutamente istituzionali. Di molto superiori al livello medio a cui siamo stati abituati negli ultimi anni. Il livello semantico, come direbbe un caro amico … è alto. vendolagasparri5.jpgSin dall’inizio quando il presidente della Camera fa i complimenti a Floris per la trasmissione. Non sembra solo cortesia ma se anche fosse, rispetto ad augurargli la scarlattina (telefonata a Ballarò di Berlusconi del 28 ottobre scorso), si comprende subito che la situazione è diversa. Dice innanzi tutto di aver chiamato non per spiegare ma per confermare. Fini afferma commentando il suo dialogo con il sostituto procuratore di Pescara: “Poco importa sia una conversazione rubata”. Anche la stampa che ha rubato la conversazione, con questa affermazione, è salva. Quindi l’affermazione “istituzionale”: “Sono convinto Berlusconi non c’entri con la mafia”. Precisata da: “Massimo rigore e scrupolo per verificare le dichiarazioni dei pentiti sul Presidente del Consiglio”. E poi un manifesto sull’attività dei magistrati come non se ne sentivano da tempo immemore dai leader del centrodestra: “Non perdo fiducia nella magistratura”. Cita i magistrati morti ammazzati: Falcone, Borsellino, Chinnici … E sottolinea: “Nella lotta alla mafia, magistratura al di là degli errori, merita rispetto. Perdere fiducia nella sua azione, per me significherebbe perdere fiducia nella democrazia”. fotoGrave caduta di “coerenza” su Nicola Mancino, “Ho confuso il pentito, collaboratore di giustizia, con un altro”, dove dissentiamo. Fini dice che si riferiva a Ciancimino, ex sindaco di Palermo accusato di mafia, ma lo possiamo facilmente smentire. Per fortuna Ciancimino non è mai stato ministro degli interni né vice presidente del Csm. Quindi Fini si rivolge al ministro Sandro Bondi. E’ come sparare sulla croce rossa. Le telecamere si soffermano sul ministro. Ha l’espressione di chi pare stia per subire una vasectomia. Fini gli si rivolge con “amabilità”. E’ così amabile che, innanzi tutto, ricorda al ministro quando militava nel Partito Comunista. Si parla di presidenzialismo: “Presuppone il rispetto degli altri poteri da parte del Presidente del Consiglio, la presenza di pesi e contrappesi”. E ancora: “Chi ha investitura popolare, ha diritto di governare, ma il dovere di rispettare gli istituti di garanzia: presidenza della Repubblica, Corte Costituzionale, Parlamento, Corte dei Conti, magistratura …”. bondiBondi è annichilito. Un tifone pare gli si sia abbattuto addosso. Prova a replicare affermando che Berlusconi ha sempre rispettato tutti … (?) e ricomincia con l’attacco di parte della magistratura a Berlusconi. Fini chiude: “Credo che i telespettatori abbiano compreso il senso delle mie affermazioni”. Vasectomia per Bondi. Trionfo per Fini … Escluso su Mancino …
Fuori onda: http://www.youtube.com/watch?v=lPMSEPbVdDY ;
Fini a Ballarò : http://www.youtube.com/watch?v=3QwlLs0tKS8

Leave a Reply